0474 501 399 info@vbc.bz.it
Logo Verginer Business Consulting
Richiedi contatto

Area clienti

Un portale per collaborare e condividere.

Accedi

Richiesta di contatto

Il modo più veloce per fare la nostra conoscenza.

Richiedi contatto
Chiudi

Il 30 luglio 2020, il Consiglio provinciale ha approvato agevolazioni IMI a sostegno dell’economia in connessione all’emergenza da COVID-19. Il provvedimento è stato pubblicato sul Bollettino Regionale della Regione il 20 agosto 2020.

Le agevolazioni IMI sono diverse rispettivamente per:

  • soggetti esercenti attività ricettive, culturali, sportive e di ristorazione;
  • soggetti esercenti attività industriali, artigianali, commerciali e professionali.

Agevolazioni per soggetti esercenti attività ricettive, culturali, sportive e di ristorazione

Per i soggetti esercenti attività ricettive, culturali, sportive e di ristorazione è prevista l’esenzione dall’IMI a condizione che :

  • i soggetti passivi siano anche gestori dell'attività esercitata oppure,
  • abbiano messo gratuitamente a disposizione del gestore il fabbricato nel quale viene esercitata l’attività oppure,
  • abbiano dato il fabbricato in locazione o in affitto al gestore dell’attività esercitata e il relativo canone annuale di locazione/affitto per l’anno 2020 sia ridotto almeno dell’importo che sarebbe dovuto a titolo di IMI per l’anno 2020 senza esenzione;
  • si sia in presenza, nel 2020, di un calo del volume d’affari complessivo pari almeno al 20% rispetto a quello del 2019.

Nel caso in cui il calo del volume d’affari NON sia pari almeno al 20%, l’IMI dovuta per l’anno 2020 è ridotta del 50%. Nel caso in cui si abbia goduto dell’esenzione e successivamente venga riscontrato di non averne diritto, l’imposta ancora dovuta potrà essere versata senza sanzioni e interessi entro il 30 luglio 2021.

Gli immobili oggetto di agevolazione sono i seguenti:

  • D/2 destinati ad attività ricettive;
  • A, D/8 e pertinenze accatastate in C/2, C/6 e C/7 destinate ad attività ricettive;
  • A/11 destinati a rifugi alpini;
  • D/3 destinati ad attività culturali e del tempo libero;
  • D/6 destinati ad attività sportiva;
  • C/1, D/3 e D/8 destinati ad attività di somministrazione di bevande, di pasti e bevande e di intrattenimento.

Agevolazioni per soggetti esercenti attività industriali, artigianali, commerciali e professionali

Per i soggetti esercenti attività industriali, artigianali, commerciali e professionali è prevista la riduzione dell’IMI del 50% a condizione che:

  • i soggetti passivi siano anche gestori dell'attività esercitata oppure,
  • abbiano messo gratuitamente a disposizione del gestore il fabbricato nel quale viene esercitata l’attività;
  • si sia in presenza, nel 2020, di un calo del volume d’affari complessivo pari almeno al 20% rispetto a quello del 2019.

Nel caso in cui si abbia goduto della riduzione e successivamente venga riscontrato di non averne diritto, l’imposta dovuta potrà essere versata senza sanzioni e interessi entro il 30 luglio 2021.

Gli immobili oggetto di agevolazione sono i seguenti:

  • C/3, D/1, D/7 e D/10 destinati ad attività industriale o artigianato;
  • C/1 e D/8 destinati ad attività di commercio;
  • A/10 destinati ad attività professionale (uffici e studi privati).

Autocertificazione per godere delle agevolazioni

Per poter usufruire delle agevolazioni, i requisiti vanno comprovati mediante autocertificazione da presentare all’Ufficio Tributi del Comune entro il 30 settembre 2020. In assenza di autocertificazione non si potrà godere dell’agevolazione.

Sono stati predisposti dal Consorzio dei Comuni dell’Alto Adige i seguenti moduli per l’autocertificazione:

Autocertificazione per attività ricettive, culturali sportive e di ristorazione (dichiarazione per esenzione):

Autocertificazione per attività industriali, artigianali, commerciali e professionali (dichiarazione per riduzione al 50%):