0474 501 399 info@vbc.bz.it
Logo Verginer Business Consulting
Richiedi contatto

Area clienti

Un portale per collaborare e condividere.

Accedi

Richiesta di contatto

Il modo più veloce per fare la nostra conoscenza.

Richiedi contatto
Chiudi

Il “Decreto Ristori” approdato ieri 28 ottobre in Gazzetta Ufficiale ha previsto ulteriori contributi e agevolazioni per i settori colpiti dalle nuove chiusure disposte dal Governo. Ecco le principali misure.
 

Contributo a fondo perduto per i settori interessati dalle ultime misure restrittive

Il decreto prevede un nuovo contributo a fondo perduto a cui possono accedere:

  • Soggetti con partita IVA attiva alla data del 25/10/2020 e attivi alla data dell’eventuale istanza (nei casi in cui debba essere presentata);
  • Con attività prevalente nei settori interessati dalle misure restrittive introdotte dal DPCM del 24 ottobre (settori trasporti, turistico, culturale, sportivo e degli intrattenimenti - solo per codici ATECO individuati nell'Allegato 1 al Decreto);
  • Presupposto è il calo di fatturato di almeno un terzo nel mese di aprile 2020 rispetto al mese di aprile 2019;
  • Per attività iniziate dopo il 01/01/2019 il contributo spetta anche in assenza del calo di fatturato (1.000,00 euro per imprese individuali; 2.000,00 euro per società, associazioni, ecc.);
  • Dovranno presentare istanza solo le imprese che non hanno beneficiato del contributo a fondo perduto introdotto dal precedente "Decreto Rilancio" (ad esempio rientrano ora anche le imprese con fatturato superiore a 5 milioni di euro nel 2019). Invece, alle imprese che hanno già beneficiato del contributo precedente, il contributo verrà erogato in modo automatico;
  • Il contributo è calcolato sulla base del contributo a fondo perduto introdotto dal "Decreto Rilancio" e applicando a questo incrementi percentuali variabili dal 100% al 400% in base al codice di attività ATECO del beneficiario.


Contributo a fondo perduto per le imprese delle filiere agricole, della pesca e dell'acquacoltura

  • Sono stati stanziati fondi per l'erogazione di un contributo a fondo perduto a favore delle imprese operanti nelle filiere agricole, della pesca e dell'acquacoltura;
  • La platea dei beneficiari e i criteri per usufruire dei benefici saranno definiti da un decreto ministeriale ancora da emanare.


Esonero contributivo a favore delle filiere agricole, della pesca e dell'acquacoltura

  • In riferimento ai contributi per lavoro dipendente, il decreto prevede l'esonero contributivo per il mese di novembre per la quota a carico dei datori di lavoro (versamento del 16/12/2020);
  • Il medesimo esonero è riconosciuto agli imprenditori agricoli autonomi con riferimento alla contribuzione dovuta per il mese di novembre 2020 (versamento del 16/11/2020 con riduzione nella misura di 1/12 della contribuzione dovuta per l’anno 2020 esclusi i premi/contributi dovuti all’INAIL);


Credito d’imposta per canoni di locazione

  • Il credito d’imposta è esteso ai mesi di ottobre, novembre e dicembre per le imprese soggette a restrizioni introdotte dal DPCM di ottobre;
  • I criteri per usufruire del credito d'imposta rimangono quelli previsti dal "Decreto Rilancio" con la cancellazione del limite del volume d’affari riferito all’anno precedente.


Istituzione di un fondo per Asd e Ssd

  • Viene istituito un fondo per supportare le Associazioni sportive dilettantistiche e le Società sportive dilettantistiche che hanno cessato o ridotto l’attività a seguito dei provvedimenti di sospensione di ottobre;
  • I criteri per accedere alle risorse saranno stabiliti con provvedimentoda adottare da parte del Capo del Dipartimento per lo Sport.