0474 501 399 info@vbc.bz.it
Logo Verginer Business Consulting
Richiedi contatto

Area clienti

Un portale per collaborare e condividere.

Accedi

Richiesta di contatto

Il modo più veloce per fare la nostra conoscenza.

Richiedi contatto
Chiudi

Il 22 luglio, il Senato ha approvato la conversione in legge del decreto Sostegni-bis. Diverse sono le novità introdotte rispetto al decreto originale entrato in vigore il 26 maggio. 
Ecco le novità di carattere fiscale più rilevanti:

INDICE

Art. 1 - Contributo a fondo perduto per soggetti di maggiore dimensione
Art. 1-bis - Detassazione fuori dagli aiuto di stato
Art. 1-ter - Contributi per settore dei matrimoni
Art. 3 - Incremento del fondo della montagna
Art. 9-ter - Proroga dei versamenti per soggetti ISA
Art. 11-bis - Sospensione cashback e crediti d'imposta POS
Art. 11-ter - Rifinanziamento misura "Nuova Sabatini"
Art. 14 - Riapertura dei termini per la rivalutazione di terreni e partecipazioni
Art. 32 - Credito d'imposta sanificazione


Art. 1, comma 30-bis - Contributo a fondo perduto per soggetti con ricavi (nel 2019) superiori a 10 milioni di euro ma non superiori a 15 milioni di euro.
Presupposto per accedere al contributo rimane la riduzione di fatturato di almeno il 30% nel 2020 rispetto al 2019 oppure nel periodo aprile 2020 – marzo 2021 rispetto al periodo aprile 2019 – marzo 2020.
I soggetti che possono vantare una riduzione di fatturato di almeno il 30% nel 2020 rispetto al 2019 possono richiedere un indennizzo pari al 20% della differenza fra fatturato medio mensile 2020 e fatturato medio mensile 2019. Inoltre questi avranno diritto ad un secondo indennizzo di pari importo.
I soggetti che invece non possono dimostrare una riduzione di fatturato di almeno il 30% nel 2020 rispetto al 2019 ma che possono vantare una riduzione di fatturato di almeno il 30% nel periodo aprile 2020 – marzo 2021 rispetto al periodo aprile 2019 – marzo 2020 possono richiedere un indennizzo pari al 30% della differenza fra fatturato medio mensile nel periodo aprile 2020 – marzo 2021 e fatturato medio mensile nel periodo aprile 2019 – marzo 2020.
Invece, i soggetti che soddisfano il presupposto della riduzione di fatturato sia per il periodo annuale 2020 sul 2019 che per il periodo aprile 2020 – marzo 2021 rispetto al periodo aprile 2019 – marzo 2020 avranno diritto ad un indennizzo pari al 20% della differenza fra fatturato medio mensile 2020 e fatturato medio mensile 2019 e all’ulteriore indennizzo del 20% della differenza fra fatturato medio mensile nel periodo aprile 2020 – marzo 2021 e fatturato medio mensile nel periodo aprile 2019 – marzo 2020.

Art. 1-bis – Detassazione di contributi e di indennità relativi all’emergenza da Covid-19
Il beneficio derivante dalla detassazione di contributi e di indennità relativi all’emergenza da Covid-19, dunque il risparmio di imposta dovuto alla detassazione, non deve essere considerato quale aiuto di stato.

Art. 1-ter – Contributi per i settori del wedding, dell’intrattenimento e dell’Hotellerie-Restaurant-Catering
Vengono stanziati fondi per 60 milioni di euro per il sostengo del settore del wedding, dell’intrattenimento, dell’organizzazione di feste e cerimonie e del settore dell’Hotellerie-Restaurant-Catering. Spetterà ad un successivo decreto interministeriale stabilire i criteri per accedere ai contributi.

Art. 3, comma 2-bis – Incremento fondo della montagna
I fondi stanziati per il fondo della montagna vengono incrementati per 30 milioni di euro con destinazione di questi per interventi di innovazione tecnologica, ammodernamento e miglioramento dei livelli di sicurezza degli impianti di risalita, delle piste da sci e degli impianti di innevamento programmato. Le risorse dovranno essere ripartite in base ad un decreto interministeriale di prossima approvazione.

Art. 9-ter – Proroga dei versamenti connessi alle dichiarazioni dei Redditi per soggetti ISA
La scadenza dei versamenti connessi alle dichiarazioni dei Redditi per soggetti che esercitano attività economiche per le quali sono stati approvati gli ISA (anche se in regime forfettario o con cause di esclusione) e per i soggetti collegati (soci) è prorogata al 15 settembre 2021.

Art. 11-bis – Sospensione cashback e credito d’imposta sulle commissioni e strumenti POS
Cashback: il programma cashback (rimborso fino a 150 euro delle spese sostenute con l’utilizzo di strumenti di pagamento elettronici) è sospeso per il secondo semestre 2021 e dovrebbe riprendere nel primo trimestre 2022.
Credito d'imposta per le commissioni POS: per le commissioni dovute su pagamenti effettuati con mezzi elettronici da consumatori finali, maturate nel periodo luglio 2021 – giugno 2022, il credito d’imposta è incrementato al 100%. Il credito d’imposta spetta ai soggetti che hanno avuto ricavi inferiori a 400 mila euro nel periodo d’imposta precedente alla maturazione delle commissioni.
Credito d'imposta attrezzature POS: è istituito un credito d’imposta per l’acquisto, il noleggio o l’utilizzo di strumenti e attrezzature che consentono forme di pagamento elettronico e per il collegamento con i registratori telematici.

Art. 11-ter – Rifinanziamento della misura “Nuova Sabatini”
Le domande di contributo connesse a finanziamenti per l’acquisto di impianti e macchinari sono stati rifinanziati ed è possibile presentare nuovamente domanda (le domande erano state bloccate a inizio giugno per l’esaurimento dei fondi disponibili).

Art. 14, comma 4-bis – Riapertura dei termini per la rivalutazione dei terreni e delle partecipazioni possedute alla data del primo gennaio 2021
La redazione e il giuramento previsti per la rivalutazione dei terreni e delle partecipazioni sono prorogati al 15 novembre 2021 così come il termine di versamento della prima rata dell’imposta sostitutiva (11% sul valore rideterminato rateizzabile in 3 rate annuali).

Art. 32 – Credito d’imposta per la sanificazione e l’acquisto di dispositivi di protezione
Il credito d’imposta del 30% delle spese sostenute nei mesi di giugno, luglio e agosto 2021 per la sanificazione degli ambienti spetta anche alle strutture ricettive extra-alberghiere a carattere non imprenditoriale munite di codice identificativo regionale, oppure, in mancanza, identificate mediante autocertificazione in merito allo svolgimento dell’attività ricettiva di b&b.
Le domande per accedere al credito d'imposta potranno essere presentate in via telematica sul sito dell'Agenzia delle Entrate dal 4 ottobre e fino al 4 novembre 2021. Tenendo conto del plafond disponiblie di 200 milioni di euro e sulla base delle domande pervenute, l'Agenzia delle Entrate pubblicherà la percentuale effettiva del credito d'imposta fruibile entro il 12 novembre 2021. Dopodichè sarà possibile utilizzare il credito d'imposta in compensazione tramite mod. F24.