0474 501 399 info@vbc.bz.it
Logo Verginer Business Consulting
Richiedi contatto

Area clienti

Un portale per collaborare e condividere.

Accedi

Richiesta di contatto

Il modo più veloce per fare la nostra conoscenza.

Richiedi contatto
Chiudi

Con decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 30 luglio sono stati definiti i criteri per accedere al fondo per gli investimenti innovativi nelle imprese agricole.

I contributi a fondo perduto sono destinati ad investimenti inerenti alla trasformazione e alla commercializzazione di prodotti agricoli.
Con trasformazione di prodotti agricoli è inteso il trattamento di un prodotto agricolo in cui il prodotto ottenuto resta pur sempre un prodotto agricolo (ad esempio la trasformazione del latte in formaggio).
Con commercializzazione di prodotti agricoli è intesa la vendita a consumatori privati, quando questa avviene in locali separati, adibiti a tale scopo. Ai fini del contributo, non rientra nella commercializzazione di prodotti agricoli la vendita a rivenditori o a imprese di trasformazione (ad esempio la vendita del bestiame al macellaio o del latte alla latteria).

Il contributo è pari al 30% delle spese ammissibili, ovvero del 40% per beni rientranti tra quelli cd. Industria 4.0. Il limite massimo del contributo è pari a 20 mila euro. Le spese ammissibili sono quelle relative all’acquisto di beni materiali strumentali, nonché a beni materiali e beni immateriali rientranti tra quelli cd. Industria 4.0.

Le spese dovranno essere sostenute successivamente alla data di presentazione della domanda. Non saranno ammissibili le spese relative a beni usati, a beni acquisiti in leasing e con titoli di spesa inferiori a 500 euro (al netto dell’IVA). Le spese ammissibili non potranno essere di importo inferiore a 5 mila euro.

Le domande per accedere al contributo dovranno essere trasmesse telematicamente. La data dalla quale sarà possibile presentare la domanda sarà definita con un provvedimento ancora da adottare. Le domande verranno accolte fino ad esaurimento dei fondi disponibili. Si tratterà dunque di un “click day”.